h1

Social network di classe

Giugno 26, 2007

I siti di social network riproducono le divisioni sociali: lo afferma uno studio di Danah Boyd della School of Information Sciences dell’università di Berkeley, in California.

Analizzando due tra i siti più utilizzati del mondo, la ricercatrice statunitense ha scoperto che gli utenti di Facebook provengono da famiglie più ricche e hanno maggiori possibilità di andare all’università, mentre quelli di MySpace tendono a entrare prima nel mondo del lavoro e a non prolungare la loro educazione.

Boyd ammette che negli Stati Uniti odierni definire l’appartenenza di classe è tutt’altro che semplice: non si può fare riferimento solo al reddito, ma bisogna prendere in considerazione il cosiddetto “capitale sociale”: la capacità di stringere legami sociali, fare rete, avere rapporti con gli altri. Infatti Danah Boyd afferma che “i social network sono strettamente legati a provenienza geografica, razza e religione, oltre che a differenze nello stile di vita”, Facebook per bianchi scolarizzati, MySpace per latinos.

Boyd conclude scrivendo che “questa divisione è solo uno dei modi in cui la tecnologia rispecchia i valori di una società” e che semplicemente “i ragazzi usano i social network per fare comunità e collegarsi con i loro pari”.

Lascia un Commento